Z L’orgia del potere. Il titolo italiano non c’entra molto, in effetti “Z” significa “vive”; un po’ come quella volta che si cantava: hanno ammazzato Pablo, Pablo è vivo. Con la differenza che là il morto era di volta in volta Lambrakis, Sotiris, Panagoulis etc. A morire nel film era Y. Montand (non specificato, ma chiunque riconosceva in lui Gregoris Lambrakis).

Film così non se ne fanno più; non perché fatti di quel genere siano cessati, né nel mondo né in Europa, ma probabilmente non c’è più quel pubblico che andava a vederli. Dov’è finito?

Comprendeva, quel tipo di pubblico, anche alcuni di coloro che si identificarono, in modo più o meno stretto, con i personaggi di Abatantuono e di Bentivoglio (per dirne due) ai tempi di Marrakech Express ( o più in generale in un certo tipo di cinema italiano fine anni Ottanta inizio Novanta). Per capire dov’è finito quel pubblico là – quello di Z –  basta andare a vedere i film che fanno adesso i due citati, col corredo di Rubini, Gassman, etc etc. Intervistato ieri sera al TG regionale, Rubini, a proposito del suo ultimo film dice: “sono due famiglie che un tempo avremmo definito come una progressista ed una conservatrice, ma oggi quella differenza non c’è più”.

Ma non intendo parlare di cinema.

Nei titoli di testa c’è la musica già utilizzata in Andonis, vale a dire il secondo dei quattro brani della Ballata di Mauthausen: https://www.youtube.com/watch?v=jbaS5o_yBME  ; poi nella scena finale la musica de: Il ragazzo sorridente,  https://www.youtube.com/watch?v=UiFgnog-914, brano che faceva parte delle musiche composte da Theodorakis per L’ostaggio, un lavoro del 1962, poi ripreso nel 1966.

Fra l’altro, a proposito dell’elenco dei divieti citato nelle sequenze finali, è doveroso ricordare che non si tratta di invenzione filmica. Scriveva Igor Man il 25 aprile del 1967 su “La stampa”:  “il colonnello Giorgio Papadopoulos, il colonnello Nicola Makarezos, hanno cominciato a svolgere oggi il loro programma di governo. E lo hanno fatto con un provvedimento a dir poco singolare, che non trova riscontro in nessun altro paese del mondo: d’intesa col ministro dell’Educazione, quello dell’Interno ha prescritto che gli studenti debbano frequentare assiduamente le prossime cerimonie religiose della Pasqua. Non è tutto: i capelloni saranno banditi dalle scuole, è fatto obbligo ai ragazzi di portare i capelli corti e alle ragazze di smettere la minigonna, è fatto obbligo tassativo a tutti gli studenti di recarsi a Messa ogni domenica. Gli ispettori e i presidi saranno responsabili dell’osservanza di queste disposizioni, che prevedono anche la proibizione per gli studenti di giocare ai biliardini. Patria, chiesa, famiglia. Un altro provvedimento impone a tutti i capifamiglia di denunciare, entro 48 ore, le persone che eventualmente fossero loro ospiti. Non tutti i “sovversivi “sono stati arrestati, molti si sono nascosti presso amici essendo riusciti a sfuggire alla cattura, poiché la polizia pare abbia fornito ai militari solo una parte degli elenchi in suo possesso. Finora gli arresti sono stati effettuati seguendo vecchie liste che risalgono alla guerra civile e non perfettamente aggiornate dal servizio d’informazioni dell’esercito”.

Tornando alla colonna sonora del film, il motivo de “Il ragazzo sorridente” viene ripreso anche qui: Arrival Helen https://www.youtube.com/watch?v=xWVbMCdiGns

Altri due brani compresi nella colonna sonora: Chi non parla della Pasqua https://www.youtube.com/watch?v=PV2n1MFhehs

e in questa scena Bella città https://www.youtube.com/watch?v=DtTt40EFnRk

Nel primo caso si tratta ancora una volta della ripresa di un brano già ascoltato ne L’ostaggio; mentre nel secondo caso Bella città era una musica già utilizzata da Mikis nel film francese “Les amants de Teruel” e subito incisa da Edith Piaf: https://www.youtube.com/watch?v=ImNcSYpRjvE

Chi non parla della Pasqua, invece, è stato inciso (anche) da Maria Farantouni che qui vediamo, giovanissima, in una particolare esecuzione di un altro brano di Theodorakis :

Qui, invece, il tema musicale presente nel film è proposto inuna célèbre esecuzione, quella fatta nel 1974 allo stadio del Pireo dopo la caduta della dittatura e il rientro di Theodorakis dall’esilio.

https://www.youtube.com/watch?v=7inqyaTe77I

P. S. Queste le aggiungo perché mi piacciono le commistioni

 

 

Annunci