Tag

Credo che questa esibizione risalga ai mai troppo vituperati anni ’80; Antenna 3 stava in un mercato televisivo simile al Far West, dove alla fine si affermò colui che aveva la cifra più alta segnata sotto il classico Wanted. Ma non di questo diremo.

I Gufi si erano riuniti qui giusto per l’occasione, ma la loro stagione era già trascorsa, ciascuno era andato per fatti suoi e questa stessa canzone non era neppure fra le più tipiche del loro repertorio. E quindi?

E quindi la canzoncina sta qui solo perché Word Press mi dice che ho di nuovo sforato il mio record di passaggi, e quando questo accade io sempre mi chiedo chi, e in che modo, è approdato qua. Poiché il numero dei visitatori non è alto, ciò significa che qualcuno, non ritenendo sufficientemente banale la prima pagina che gli capita di leggere, insiste sulle altre. La cosa non mi dispiace, sia chiaro; non mi dispiacerebbe neppure se ci fosse un riscontro.

Va bé.

Questa mi piace, l’ho già postata, in un’altra versione

http://youtu.be/JRCxP6meodU

Tra coloro che bussano, alle porte del Paradiso http://youtu.be/IaSIPQ-Bdc8, o alle porte di un convento per confessarsi (questa ve la risparmio), o tintinnano ad “invisibili porte / che forse non s’aprono più”, non va dimenticata la vicina di casa di Brassens (qui con passaporto italiano concessole da Nanni Svampa.

Annunci