Tag

,

A tutti i miei pochi followers,

Che poi saranno quanti? Dieci? Ad esser generosi, s’intende, perché lontano è Splinder coi suoi fasti, ancor più lontano è l’altro secolo con tutti i miei ricordi musicali, i miei film e i miei racconti. Lontana è Milano dalla mia terra, cantava quello. Dieci a contarli forse tutti, anche quelli che inciampano in un tag lasciato cadere qua per distrazione e senza il metodo del giovane ma già scaltro Pollicino. E se il shakespeariano (e poi pavesiano) Ripeness is all poco si adatta al minuscolo eroe di Perrault, anche chi scrive ne è ancora lontano, incompiuto e insoddisfatto com’é, e pertanto lo scrive qua, fra gli obbiettivi e i buoni propositi, così tanto di moda fra Natale e l’Epifania, al pari della lettura divertita e scettica dei nuovi oroscopi ai quali è sempre bene posporre e preferire la prosa dell’uomo di Recanati, o i versi – definitivi – della sua Ginestra.

Leopardi. Giacomo. C’è quella frase, in quel lontano film sulla scuola, la pronunciava Silvio Orlando, ma gli sceneggiatori l’avevan estrapolata, secondo me, da qualche saggio di Cesare Luporini: “se fosse stato ancora vivo, Leopardi sarebbe stato sulle barricate del ‘48”. Ed è chiaro che qui si parla dell’altro altro secolo, non il mio, quello prima ancora. In quest’ultimo mezzo secolo qualche “barricata” l’abbiam fissata anche noi nella memoria delle immagini, ma è poi così bizzarra e irrazionale la vita, che uno di quelli che una “barricata” fotografò dal vero, fra i fumi dei lacrimogeni e le pallottole, ebbe poi recentemente a cadere al suolo cercando di fissare un Babbo Natale sul suo balcone.
Noi credevamo dice Gaetano Liguori, (e crediamo ancora) suggerisce, in un CD abbastanza introvabile (almeno qui, in questa ex company-town, cantata fra gli altri da un Farassino che se ne va con la sua unica nota stonata color verde, e dove persino la Mole va accomodandosi all’ombra di un neonato grattacielo).
Noi credevamo; e credevamo che anche molti altri credessero nella nostra stessa fede, che amassero Martin Lutero quanto sé medesimi (per dirla con Guicciardini). Invece …, neanche lui, e alla lunga persino Martin Lutero lasciò massacrare i contadini, cosicché a quelli che già eran assai poco convinti non restò altro che scrivere stronzate su feisbuc.

BUON ANNO!

Annunci