Come nasce una cover

https://www.youtube.com/watch?v=50do9gQYyis

moustakiTalvolta nasce così, ma è raro. Questa è un’eccezione, un incontro eccezionale fra due grandi artisti. Theodorakis è appena stato liberato dai colonnelli (su pressione dell’opinione pubblica internazionale e la riuscita non è stata impresa da poco). Esule in Francia incontra Moustaki e nascerà un disco: è un 45 giri che comprende quattro brani scritti in prigione dal compositore greco: 1-Enfants de la Grèce (cover di Είσαι Έλληνας https://www.youtube.com/watch?v=FUGWl1mRVyU ); 2Nous Sommes Deux già ascoltata nel primo filmato cover di Είμαστε δυο https://www.youtube.com/watch?v=yQTFSKyL65k ; 3On t’a déjà beaucoup menti cover di Καιρός να δεις ( Σου είπαν ψέματα πολλά ) https://www.youtube.com/watch?v=EACsP7Gctm8 4Andréas cover di Το σφαγείο ( Το μεσημέρι ) https://www.youtube.com/watch?v=jtUT8Hga6pA

Alcune di queste cover realizzate da Moustaki si trovano in rete.

Sempre in quel 1970, primo anno di esilio di Theodorakis in Francia, Moustaki incide un’altra cover di una canzone del compositore greco. Per certi aspetti persino più interessante delle precedenti. Il titolo in francese è L’Homme Au Coeur Blesse (l’uomo dal cuore ferito), in greco Του Πικραμένου. Un testo di Federico Garcia Lorca, trasposto in greco dal poeta O. Elytis e musicato appunto da Theodorakis. La canzone di Moustaki godrà infine di una versione italiana con testo di Bruno Lauzi (che già aveva scritto per il cantante francese la versione italiana di Le meteque, ovvero lo straniero).

https://www.youtube.com/watch?v=l5sW5qq8aLg

Quanto a me (a quello che da un po’ di tempo ho eletto a mio lavoro), le cover italiane di Theodorakis sono poche e molte introvabili. Sigh!

 

Annunci